Loading...

Curiosità e consigli

Quanta salute in un caffé

Quanta salute in un caffé.

Secondo diversi studi, la caffeina ha effetti benefici su reni, fegato, cuore, cervello e sistema nervoso cerebrospinale, polmoni, apparato digestivo e ghiandole endocrine.

CUORE: migliora il tono arterioso e la circolazione e riduce la calcificazione delle coronarie. CERVELLO: riduce il rischio di ictus e grazie agli antiossidanti rallenta l'invecchiamento. Protegge dal declino mnemonico, migliora l'apprendimento e la sua azione vasocostrittrice aiuta in caso di emicrania. FEGATO: aumenta e intensifica la secrezione della bile oltre ad avere la capacità di prevenire i danni causati dall'alcool contrastando l'insorgenza della cirrosi epatica. RENI: stimola la diuresi. CENTRI NERVOSI: aumenta la rapidità di reazione. POLMONI: aumenta la dilatazione bronchiale e ventilazione polmonare. APPARATO DIGESTIVO: stimola i vasi che aiutano la digestione; GHIANDOLE ENDOCRINE: stimola la secrezione surrenale, la funzione della tiroide e quindi del metabolismo.

 

Le regole delle 5 M

Al bar o tra le mura domestiche le regole sono regole e vanno rispettate.

MISCELA:
è importantissimo conoscere le d ifferenze tra i vari caffè crudi, la compatibilità tra loro e la reazione in tostatura, per realizzare miscele che possono soddisfare il gusto personale.

MACINATURA:
il macinadosatore è il primo e più importante strumento a disposizione dell'operatore quindi, come tale, deve essere sempre in perfetto stato e quanto più possibile pulito.

MACCHINA PER L'ESPRESSO:
la macchina è il secondo strumento di trasformazione del prodotto che porta il caffè dallo s tato solido a quello liquido; il dosaggio del caffè è di circa 7 grammi di polvere macinata.

MANO DELL'OPERATORE:
forse il fattore più rilevante nella preparazione dell'espresso perfetto. L'operatore ha il dovere di conoscere alla perfezione le giuste dosi per accontentare i gusti di ogni cliente.

MANUTENZIONE DELLE ATTREZZATURE:
la macchina non va mai spenta, il filtro deve esser pulito ogni giorno, i manometri devono registrare valori controllati e si devono eliminare i residui di sale che vengono accumulati nel depuratore.